Accesso utente

Nuovi utenti

  • amelie012854260924
  • franchescamcghee724
  • wilheminalittler12
  • herminecramsie90696
  • markusmilne924242

Twitter

Seguiteci anche su Twitter!

Paper Blog

Wikio

Wikio - Top dei blog - Letteratura

Banner

 

 

Home
Mercoledì, 1 novembre, 2017 - 23:53
Bluefly

Qualcosa di fantasy: facciamo il punto

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Chi ama la letteratura di genere, in Italia, ha da sempre la vita dura, ma mai come in questo momento. Eccezion fatta per il thriller, naturalmente, che invece abbonda nelle nostre librerie. I lettori di fantasy possono comunque trovare alcune proposte interessanti e molte ristampe apprezzabili. Per quanto riguarda l’urban fantasy e il paranormal romance, invece, lasciate ogni speranza… Ma anche no. Quali uscite recenti potrebbero risollevarci il morale? Tralasciando gli immancabili YA, vediamo insieme alcune di quelle che a mio avviso sono imperdibili. 

A sorpresa la casa editrice tre60 ha pubblicato il primo romanzo della nuova serie di Charlaine Harris, la mitica autrice dell’indimenticabile serie di Suckie Stackhouse, da cui è stata tratta la serie TV Trueblood. La nuova serie s’intitola Midnight, Texas ed è un urban fantasy dalle sfumature molto noir. Il primo romanzo, Midnight Texas, la città della notte è disponibile dal 2 novembre sia in forma cartacea che ebook e spero non ci deluderà. Anche da questi nuovi romanzi è stata tratta una serie televisiva, Midnigh Texas appunto, in onda sulla NBC
Trama: A Midnight, in Texas, niente è come sembra. Protetto da un'apparente normalità, infatti, nella cittadina vive un gruppo di persone che altrove sarebbe considerato perlomeno strano. Invece, lì, nessuno si stupisce se il reverendo Sheehan passa il suo tempo nel cimitero, a benedire le tombe degli animali; se l'imponente Fiji dice di essere una strega (buona); se il prestante Bobo Winthrop afferma di vedere il futuro; se il pallidissimo Lemuel esce soltanto di notte... Eppure anche i singolari abitanti di Midnight si sconvolgono quando, in riva al fiume, viene scoperto il cadavere di una donna. C'entra forse il nuovo arrivato, Manfred Bernardo, un sensitivo assai insicuro del proprio talento? Oppure quel delitto è legato a qualcosa che è avvenuto molto tempo fa? E perché le indagini della polizia suscitano tanta preoccupazione? Quali segreti potrebbero rivelare? Starà agli abitanti di Midnight scoprirlo. Ma, per farlo, dovranno unire le proprie forze contro un unico, terribile nemico...

Un’altra appetitosa novità, questa volta edita dall’Armenia, è il romanzo fantasy Il Potere e la Vendetta (Hope&Red), di Jon Skovron, primo della trilogia di successo L’Impero delle Tempeste (Empire of Storms), che promette magia, avventura, pirati e anche una intensa storia d’amore. Devo proprio spezzare una lancia a favore di questa casa editrice, risorta dalle sue ceneri, che non solo ha terminato la pubblicazione di tutta la saga (assai impegnativa) di Malazan di Steve Erikson, ma sta proponendo nuove firme del fantasy (di stampo classico), in un momento in cui nel nostro paese il fantasy non vive il suo periodo migliore. Jon Skovron non è uno scrittore alle prime armi, ma questa è la prima sua serie “adult”, dato che prima si è dilettato sempre con gli YA. E in libreria dal 31 ottobre, prossimamente immagino anche in versione ebook.
Trama: Hope è l’unica sopravvissuta del massacro del suo villaggio da parte dei Biomanti, servi mistici dell’Imperatore. Trovata da un monaco-guerriero dell’ordine dei Vinchen, è stata addestrata in segreto, per fare di lei un guerriero che vive solo per la vendetta. Red è un orfano adottato dalla ladra e mercenaria Sadie la Capra, pronto a diventare un ladro e un truffatore di talento senza pari. Quando un capobanda sanguinario fa un patto con Biomanti per controllare i bassifondi della città di Laven, i destini di Hope & Red si intrecciano. La loro improbabile alleanza li porterà molto più lontano di quanto avrebbero mai immaginato...

E poi ecco un nome che le amanti del fantasy sicuramente conosceranno: la meravigliosa Robin Hobb, autrice di una delle saghe più celebrate e indimenticabili (e anche più lunghe) che siano mai state scritte. Con rammarico, ma forse era anche ora, siamo giunti al termine delle straordinarie avventure di Fitz Chevalier, il principe bastardo addestrato come assassino e del suo strano compagno di avventure, il Matto. I romanzi della Hobb si contraddistinguono per la sua grande capacità di introspezione, che ci ha regalato dei personaggi che hanno pochi rivali nel mondo letterario fantasy e non solo, ma anche per la fantasia sconfinata con cui ha dato vita a un mondo e a delle storie che lasciano senza fiato. Leggo fantasy da sempre e ci sono alcuni scrittori sacri per me. Fra questi, al primo posto, c'è la Hobb.

Per chi si avvicinasse per la prima volta alle sue creature (perché i suoi libri sono vivi e una volta letti non si scordano più), è assolutamente fondamentale cominciare dall’inizio, perché anche se la saga completa è composta da diversi cicli, con personaggi e contesti diversi, è tutto intrecciato. Dunque, ricapitolando, L’Assassino, L’Ultima Caccia (Assasin's Fate), pubblicato dalla Sperling &Kupfer (in libreria e in ebook dal 31 ottobre) è l’ultimo libro della saga Realms of the Elderlings (Regno degli Antichi), così composta:

1. La Trilogia dei Lungavista (Farseer Trilogy), di cui fanno parte: L’Apprendista Assassino (Assassin’s Aprentice), L’Assassino di Corte (Royal Assassin) e Il Viaggio dell’Assassino (Assassin’s Quest) – pubblicati dalla Fanucci
2. La Trilogia dei Mercanti di Borgomago (Liveship Traders) composta da: Ship of Magic, Mad Ship e Ship of Destiny, che la Fanucci ha pubblicato dividendo i primi due libri, facendoli diventare 5 (orrore). Chi può se li legga in inglese. 
3. La Trilogia dell’Uomo Ambrato (The Tawny Man Trilogy), composta da: Il Risveglio dell’Assassino ( The Fool’s Errand), La Furia dell’Assassino (The Golden Fool) e Il Destino dell’Assassino ( Fool’s Fate).
4. La quadrilogia della Giungla delle Piogge (Rain Wildes Chronicles) composta da Il Custode del Drago (The Dragon’s Keeper), Il Rifugio del Drago (Dragon Heaven), La Città dei Draghi (City of Dragons) e Blood of Dragons, mai tradotto dalla Fanucci, cosa che certo non le ha fatto onore, dato che si tratta dell’ultimo libro di una serie, a cui quella successiva è strettamente collegato. Vabbé. Anche questo, leggetelo in inglese.
5. La Fitz and the Fool Trilogy finale, composta da: L’Assassino. Il Ritorno (Fool’s Assassin), L’Assassino. La Vendetta (Fool’s Quest) e L’Assassino. L’Ultima Caccia (Assass’s Fate). Quest’ultima trilogia è stata pubblicata dalla Sperling&Kupfer, dato che la Fanucci ha deciso di abbandonare una delle più celebrate firme del fantasy a favore di non si sa bene cosa. Comunque, ce l’abbiamo fatta.

E ora, la trama di L’Assassino. L’ultima Caccia: FitzChevalier aveva giurato a se stesso che mai più avrebbe prestato il braccio agli intrighi di corte, mai più avrebbe vestito i panni dell'assassino. Ma tutto è cambiato quando la sua bambina, la figlia più amata, Ape, è stata rapita dai Servi, che mirano a manipolare il futuro per accumulare ricchezze e potere. Credendola ormai morta, Fitz parte con l'amico più fidato, il Matto, per avere vendetta. Attraverseranno mezzo mondo, fino alle terre che lo stesso Matto si era ripromesso di non vedere mai più: l'inferno da cui era riuscito a fuggire. Ne porta ancora le ferite sul corpo, ma la sua forza non ne è stata scalfita. E Fitz non avrà più il vigore della gioventù, ma la sua destrezza con le lame, i veleni e la magia è ineguagliabile e letale. La loro missione è chiara: nessuna pietà, affinché nessun avversario possa rivedere l'alba. Sarà un viaggio di vendetta, ma anche di profonda trasformazione e rivelazioni mozzafiato. Nulla sarà più come prima, al termine di questa nuova avventura: l'atto finale della trilogia de "L'assassino".

 

La Newton Compton ha appena pubblicato Magic (titolo originale A Darker Shade of Magic – decisamente la Newton non si distingue per la sua bravura nei titoli italiani), di V.E. Schwab, primo volume della trilogia di grande successo Shades of Magic, opzionata per un’eventuale trasposizione cinematografica da Gerard Butler. A me, francamente, questo primo romanzo non ha convinto. Pur partendo da buone idee, mi è sembrato scivolare ben presto nella banalità e nella superficialità. Ma devo anche dire che sia in Italia che all’estero la risposta dei lettori è stata ottima, io sono una dei pochi a non averlo apprezzato, quindi fate come se non avessi detto niente. È disponibile sia in libreria che in versione ebook dal 12 ottobre.
Trama: Kell è uno degli ultimi maghi rimasti della specie degli Antari ed è capace di viaggiare tra universi paralleli e diverse versioni della stessa città: Londra. Ci sono infatti la Rossa, la Bianca, la Grigia e la Nera, dove accadono cose diverse in epoche differenti. Kell è cresciuto ad Arnes, nella Londra Rossa, e ufficialmente è un ambasciatore al servizio dell’Impero Maresh, in viaggio alla corte di Giorgio III nella Londra Bianca, la più noiosa delle versioni di Londra, quella senza alcuna magia. Kell in verità è un fuorilegge: aiuta illegalmente le persone a vedere anche solo piccoli scorci di realtà che non potrebbero mai vedere. Si tratta di un hobby molto rischioso, però, e adesso Kell comincia a rendersene conto. Dopo un’operazione di trasporto illegale andata storta, Kell fugge nella Londra Grigia e si imbatte in Delilah, una strana ragazza che prima lo deruba, poi lo salva da un nemico mortale e infine lo costringe a seguirla in una nuova avventura. Ma la magia è un gioco pericoloso e se si vuole continuare a giocare prima di tutto bisogna imparare a rimanere vivi…

Un’altra uscita imperdibile è quella di Tredici Lame (Sharp Ends), del grande Joe Abercrombie, uno dei più apprezzati scrittori di grimdark fantasy. Si tratta di un’antologia di racconti (disponibile in cartaceo e in ebook dal 10 ottobre) in cui ritroviamo i personaggi della Trilogia della Prima Legge e suoi tre spin-off, editi tempo fa dalla ormai morta Gargoyle Books. Chi non li avessi letti forse potrebbe non apprezzare completamente questi racconti ma è davvero apprezzabile il fatto che la Mondadori abbia deciso di non abbandonare questo scrittore impareggiabile, che, fra l’altro, sta scrivendo una nuova trilogia. Spero vivamente che Tredici Lame (a proposito, titolo italiano bellissimo e apprezzato anche dallo stesso autore) venda bene, in modo che la Mondadori continui a tradurre fantasy di qualità. Abercrombie, con il suo consueto humor inglese, ha espresso la propria soddisfazione per la pubblicazione italiana della sua antologia in un video, che vi posto sotto la trama. Buona lettura e buona visione!
Trama: Mercenari ubriaconi, eroi pericolosamente schizofrenici, stregoni che gestiscono banche micidiali come eserciti, scalcinate compagnie di guerrieri, cortigiane e soldati. Spadaccini boriosi e donne che conquistano il potere col ferro e col veleno. Sangue, polvere, sudore. Il Nord gelido e nebbioso dei clan e le menzogne delle corti principesche del Sud. E oro, oro, e oro, più crudele dell'acciaio, più potente della magia nera. Questo è il mondo di Joe Abercrombie... Tornano i protagonisti dei romanzi della «Prima Legge», svelando nuovi dettagli su chi credevamo già di conoscere, dal deforme Inquisitore Glokta a Novedita il Sanguinario, dalla condottiera Murcatto all'irresistibile Nicomo Cosca, soldato di ventura e voltafaccia senza scrupoli. E poi compaiono anche nuovi personaggi e ambientazioni, come la strana coppia composta da Shev, ladra con un debole per le belle ragazze, e Javre, l'inarrestabile Leonessa di Hoskopp, braccate da nemici implacabili e da una irresistibile tendenza a cacciarsi nei luoghi peggiori del mondo.

 

Per finire, la casa editrice Nord ha pubblicato due volumi fantasy di nomi che probabilmente conoscerete. Il primo è Andrzej Sapkowski, il famoso scrittore polacco, papà dello strigo Geralt di Rivia (The Witcher), la sui saga è stata interamente tradotta dal polacco dalla Nord e se ve la siete persa vi consiglio assolutamente di recuperarla. Vi troverete amore, magia, avventura e grande sense of wonder. La strada senza ritorno è un’antologia fantasy di cui un lungo racconto è collegato alla saga principale, leggibile però singolarmente. Una sorta di prequel, diciamo. Particolare da non sottovalutare, la Saga di Geralt di Rivia (composta da Il Guardiano degli Innocenti, La Spada del Destino, Il Sangue degli Elfi, Il Tempo della Guerra, Il Battesimo del Fuoco, La Torre della Rondine, La Signora del Lago) è stata opzionata da Netflix per farne una serie tv, e c’è molta attesa (e anche un po’ di apprensione) per vedere chi sceglieranno come interprete.  
Intanto, ecco la sinossi dell’antologia, uscita in versione cartacea e ebook il 26 ottobre: Un cavaliere costretto a combattere per una congrega di maghi potenti e senza scrupoli; un manipolo di soldati finiti per sbaglio nell’inquietante città delle streghe; una giovane pronta a stringere un patto con un demone, pur di vendicarsi di chi le ha mancato di rispetto; un re trincerato nella torre più alta del suo castello, in attesa che avvenga un miracolo… I personaggi che animano gli otto racconti raccolti in questo libro si trovano loro malgrado ad affrontare sfide pericolose e scelte impossibili, battaglie sanguinose e tradimenti inaspettati. Armati solo del proprio coraggio, dovranno attingere a ogni risorsa immaginabile per sopravvivere in un mondo in cui nulla è come sembra, in cui il mostro più feroce si nasconde dietro la maschera dell’uomo comune e persino il più innocente dei sorrisi può celare una minaccia letale. Dopo aver concluso la saga dello strigo Geralt di Rivia – considerata da pubblico e critica un capolavoro della letteratura fantasy e da cui è stata tratta la fortunatissima serie di videogiochi The Witcher –, Andrzej Sapkowski torna alla forma narrativa che ha segnato gli esordi della sua carriera: in queste storie ricche di avventure, magie e graffiante ironia, si ritrovano le atmosfere cupe e i colpi di scena spiazzanti che caratterizzano lo stile unico di un autore inimitabile.

E poi abbiamo L’Ira degli Albi, dello scrittore tedesco Markus Heintz, famoso per la sua serie sui nani, in cui gli Albi, elfi bellissimi e malvagi, dagli occhi neri, fanno la parte dei cattivi. Devo riconoscere un certo coraggio a Heintz per aver dedicato una serie intera ai villain della situazione. Della serie degli Albi ho letto il primo romanzo, La Leggenda degli Albi, e l’ho molto apprezzato. E' scritto bene (meglio dei libri sui nani, in cui l’autore a mio avviso tradiva la propria inesperienza), molto dark e con una trama che non ti lascia andare. Non un capolavoro, ma sicuramente una degna lettura. La saga è composta da: La Leggenda degli Albi, La Battaglia degli Albi, Il Cammino Oscuro e questo ultimo, L’Ira degli Albi.

Prima di lasciarvi alla trama, devo fare un appunto sulla scelta della copertina. Che è la stessa del primo libro, La Leggenda degli Albi. Ma davvero una casa editrice come la Nord si è messa a riciclare copertine, oltretutto all’interno della stessa saga?? Vedere per credere. Ma per favore…! 

Trama: Dopo anni di guerre, le cinque stirpi di nani della Terra Nascosta hanno sconfitto gli eserciti degli albi grazie all'aiuto di Aiphatòn, l'imperatore albico che ha scelto di schierarsi contro la propria gente. Mentre i nani, gli uomini e gli elfi iniziano a ricostruire i loro regni, inaugurando un'epoca di prosperità, Aiphatòn è convinto invece che la sua missione non sia ancora conclusa. Per lui non ci sarà pace finché anche gli ultimi albi fuggiaschi non saranno eliminati. E il suo desiderio sembra avverarsi quando un incantesimo lo catapulta nella Terra dell'Aldilà, dove scopre due città albiche: Dsòn Elhàtor, la Sublime, situata su un'isola, e Dsôn Dàkiòn, la Fiera, annidata tra le montagne. Conoscendo la natura infida e malvagia del suo popolo, Aiphatòn è sicuro che basterà sfruttare la rivalità esistente tra le città per spingere i due sovrani ad annientarsi a vicenda. Tuttavia, proprio quando Aiphatòn sta per mettere in pratica il suo piano, una nuova minaccia stende la sua ombra oscura, un Male che non può essere contrastato né dai nani né dagli elfi, né tantomeno dagli uomini. Possibile che l'ultima speranza siano proprio gli albi? E riuscirà Aiphatòn a convincerli a combattere in difesa dei loro acerrimi nemici, o saranno loro a riportare nel gregge il guerriero ribelle? Ora più che mai, il destino della Terra Nascosta è appeso a un filo...

(Ilustrazione di apertura di Piotr Ruszkowski)

Share this
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che vedi qui sopra

Commenti

Ritratto di Milly

Mi unisco al giubilo di

Mi unisco al giubilo di Simona: apprezzo tantissimo questa rubrica, anche se il fantasy non è il mio genere preferito e dunque un grazie e complimenti a Bluefly! Tredici lame è già prenotato e farò lo stesso con la Hobb, benché sia indietro con gli altri volumi, ma conto di recuperare durante le vacanza natalizie. No comment sulla copertina riciclata della Nord, pensavano forse che non se ne sarebbe acccorto nessuno?

Ritratto di Bluefly

Cara Milly, forse il fantasy

Cara Milly, forse il fantasy non sarà il tuo genere ma sicuramente hai scelto il meglio: Abercrombie e Hobb sono il top del top. Sulla copertina di Heitz... in Italia per un qualche motivo a me ignoto si dedica poca attenzione alle copertina dei libri fantasy, che invece è proprio il genere letterario che ne ha più bisogno, per ovvi motivi. Generalmente sono messe a caso, non c'entrano niente o sono inguardabili. E' la prima volta però che una CE mette la stessa copertina per due libri appartenenti alla stessa saga. Lo trovo davvero sconsolante.

Come sono felice che sia

Come sono felice che sia tornata questa rubrica! Mi mancavano proprio le tue anteprime fantasy Bluefly, non saremo tanti gli appassionati del genere ma siamo molto fedeli, nonostante le delusioni. Abercrombie è un acquisto sicuro come anche La strada senza ritorno, forse anche Midnight Texas, sono curiosa di questa nuova serie. Simona

Ritratto di Bluefly

Ciao Simona, anch'io sono

Ciao Simona, anch'io sono affezionata alla nostra rubrica fantasy, ma aihmé era davvero molto tempo che in Italia le uscite scarseggiavano così tanto e quelle che c'erano erano generalmente così mediocri, da avermi fatto passare la voglia di segnalarle. Con qualche eccezione, naturalmente. Speriamo di poter gioire anche nei prossimi mesi. So già di alcune uscite molto interessanti, ma si parla ormai dell'anno prossimo. Intanto godiamoci questesmiley Buona lettura!

Calendario

Amazon

 

 

Giveaway

Partecipate al giveaway di Mariangela Camocardi, avete tempo per lasciare un commento fino al 9 novembre, quindi registratevi al sito se ancora non lo avete fatto e buona fortuna!

 

Eventi

        

Un'iniziativa di Kijiji

Commenti recenti

Fanfiction

Dream heroes

Alcuni eroi da sogno...