Accesso utente

Nuovi utenti

  • trevorbaccarini7
  • Kissnap
  • blackjackmetal
  • crystalclearwagging
  • tolandom

Twitter

Seguiteci anche su Twitter!

Paper Blog

Wikio

Wikio - Top dei blog - Letteratura

Banner

 

 

Home
Giovedì, 11 novembre, 2010 - 02:23
Maet

Slightly Dangerous - Capitolo 5

                               SLIGHTLY DANGEROUS

Tutti i soggetti descritti nelle storia sono maggiorenni e comunque fittizi. I personaggi e le situazioni presenti nella fanfiction si ispirano a quelli creati da Mary Balogh, che detiene tutti i diritti sull'opera;  questa storia è stata scritta senza alcun fine di lucro e nel rispetto dei rispettivi proprietari e copyright.  

Potete leggere il prologo qui:
PROLOGO

Qui il primo capitolo:
CAPITOLO 1

Qui  il secondo capitolo:
CAPITOLO 2

Qui il terzo:
CAPITOLO 3

Qui il quarto: 
CAPITOLO 4
                                                              
                                                          5



 

─ … d’altronde cosa aspettarsi da un uomo che sembra aver inghiottito una scopa intera?
─ Come prego, signora Derrick? Potreste cortesemente ripetere, temo di non aver compreso appieno la vostra frase.
La signora Derrick, sorrise sospirando ─ Ah, debbo proprio avervi annoiata con le mie chiacchiere! Me ne scuso, so che dovrei parlare molto meno, ma la vostra compagnia è talmente piacevole che mi sono lasciata andare.
Elizabeth sorrise di rimando e si riscosse dal torpore che l’aveva assalita dopo il primo quarto d’ora con Christine Derrick. Non che la donna fosse una conversatrice noiosa, al contrario, era molto vivace e dotata di spirito, ma lei era talmente oppressa da quella situazione che si era immersa nei propri cupi pensieri fingendo di prestare attenzione alla sua interlocutrice. Solo l’arrivo di Wulfric Bedwin nella sala da musica, dove gli ospiti si erano riuniti in quel tardo pomeriggio, e il conseguente commento acido di Christine l’avevano riportata al presente.
Eccolo lì, la causa di tutti i suoi guai, splendido e impettito come sempre, pareva un sovrano in mezzo ai sudditi, tanto ciascuno si affannava a compiacerlo. Lady Renable, la padrona di casa, sembrava illuminata dalla Grazia Divina ogni volta che lui le rivolgeva la parola e forse era davvero così: la voce che il duca di Bewcastle sarebbe giunto come ospite a Schofield Park aveva  guadagnato alla baronessa l’imperitura invidia di tutto il vicinato e l’imperitura gloria di un successo mai raggiunto da alcuno nella regione. Ora anche i villici potevano vantarsi di aver ricevuto la visita di una tale personalità, la cui importanza sarebbe stata soprassata solo se re Giorgio o il principe di Galles si fossero degnati di apparire in quel remoto angolo del Gloucestershire. Ma poiché il primo era interdetto a causa della sua follia, e il secondo era ben poco amato, la presenza di Bewcastle avrebbe fornito materiale per i racconti di almeno tre generazioni.
Schofield Park era una bella residenza di campagna con giardini notevoli e addirittura un grande labirinto, che Elizabeth aveva cercato di provare per tutta la settimana senza riuscirvi, per un motivo o per l’altro. Reggere la parte della cugina povera le pesava, non era nata attrice lei. D’altronde non aveva avuto scelta, una carrozza del duca con una cameriera era passata a prenderla  col suo bagaglio, l’aveva caricata e condotta in quel luogo sperduto con le precise istruzioni, vergate dalla mano stessa di Sua Grazia, di presentarsi come una sua lontanissima cugina che l’avrebbe accompagnato nel suo soggiorno di due settimane dai baroni Renable. Per un attimo il cuore di Elizabeth si era riempito di speranza come un pozzo di acqua: finalmente Wulfric si era convinto a considerarla come una donna, nonostante le sue parole sprezzanti durante il loro ultimo incontro, ed avrebbe fatto di lei la sua amante. Per quale altro motivo altrimenti l’avrebbe invitata a casa di aristocratici e introdotta in quel modo?
Il pozzo si era prosciugato nel giro di ventiquattrore. Il duca aveva evitato ogni occasione non soltanto di restare solo con lei, ma anche di parlarle, se si escludevano i saluti di rito durante la giornata e la serata. Elizabeth era confusa, irritata ed infelice. Si sentiva assolutamente fuori posto in quella compagnia a suo avviso molto mal assortita, tra coppie anziane, giovinette in cerca di marito, scapoli di diversa estrazione e decisamente più vecchi di quelle fanciulle in fiore. Non che questo fosse un aspetto rilevante, ovviamente, se il padre lo decideva poteva dare in sposa la figlia quindicenne ad un sessantenne e nessuno avrebbe obiettato. A chiudere questa non particolarmente allegra compagnia c’erano lei e Christine Derrick: la dama di compagnia della mantenuta di un duca che si fingeva la parente povera e un’insegnante di paese, vedova di un visconte. Non erano nobili, non erano ricche, non erano belle, non erano giovani. In pratica non avevano nessuna delle doti richieste  ad una donna per stare in società. Forse per questo avevano immediatamente fatto comunella, isolandosi dal gruppo per quanto possibile  e partecipando agli intrattenimenti di gruppo in coppia.
─ Vi ringrazio signora Derrick e anche per me la vostra compagnia è molto piacevole. Però  ogni tanto il disagio che provo nel trovarmi qui prende il sopravvento e mi fa astrarre dalla conversazione, per quanto deliziosa come la vostra. 
Christine rise di cuore, una risata vera, non la risatina sommessa che veniva insegnata alla ragazze di buona famiglia. ─ Io e l’aggettivo “deliziosa” non siamo mai stati accostati! Siete molto gentile signorina Pearse, ma so quando esagero e vi sto monopolizzando da ben quaranta minuti. Tuttavia ritengo che le mie chiacchiere siano migliori di quel patetico tentativo di suonare il piano della signorina King. E perdonatemi l’impertinenza signorina Pearse, non sono solita criticare, ma le mie orecchie sono seriamente offese.
Elizabeth non poté far altro che unirsi alla risata. Era verissimo, Harriet King si accaniva contro la tastiera nemmeno fosse un contadino con l’aratro che rivoltava la terra per la semina. Inoltre l’atmosfera nel salotto giallo primula era opprimente, gli ospiti si stavano annoiando e la stanza più che elegante mostrava la tipica mancanza di stile degli arricchiti, sfoggiando mobili e suppellettili dorati come a sottolineare la ricchezza dei proprietari. Melanie Renable era però amica della signora Derrick, quindi Elizabeth non si era azzardata a criticare alcunché. Si spostò sulla poltrona di velluto voltandosi verso l’angolo in cui Bewcastle stava ancora conversando con la padrona di casa, sottovoce per non disturbare il mirabile intrattenimento della signorina King. Ogni volta che i suoi occhi si posavano su di lui, una fitta dolorosa le trapassava il cuore.
─ Se ho inteso bene signora Derrick, giudicate Sua Grazia un manico di scopa ambulante.
Christine ebbe la decenza di arrossire ─ Oh Cielo, che imperdonabile gaffe da parte mia! E’ un vostro parente dopotutto e credetemi non vi era malizia nel mio commento. E’ che… come avrete notato, non sono certo una vera lady… no, non tentate di negarlo per pura cortesia, mi conosco e conosco i miei limiti. Detto tra noi, francamente me ne infischio di non essere come le altre “signore” qui presenti, voi inclusa. Sono troppo vecchia per cambiare ed ho imparato ad accettarmi per come sono, si vive molto meglio quando lo si fa. Quindi ho l’orribile tendenza a parlare senza prima filtrare i miei pensieri e il duca mi sembra presuntuoso, pomposo, rigido come un asse da stiro e noioso quanto un sermone del vicario Blendingfield. Ecco, ora taccio!
Elizabeth tornò ad osservare Christine. Non era quel che si definiva una donna di classe, i suoi abiti erano semplici e probabilmente le mises sofisticate delle altre ospiti sarebbero apparse incongrue su di lei; i suoi capelli apparivano sempre spettinati anche quando acconciati e una brezza era sufficiente a trasformare la sua testa in un nido di uccelli. Ciononostante possedeva una vivacità ed una spontaneità che conquistavano.
Abbassò gli occhi per fissarsi le mani intrecciate. ─ Vi confesso che stimo molto mio cugino, però tengo anche alla vostra amicizia, dunque siate pure sincera con me. Ma vorrei farvi notare che Sua Grazia è un uomo dalle grandi responsabilità cui, a differenza di molti aristocratici, non si è mai sottratto. Vi concedo che sia rigido e cerimonioso, tuttavia non è affatto noioso quando lo si conosce e soprattutto ha un animo generoso. Vi sarete accorta che da quando siamo qui ha dedicato attenzioni e tempo alla timida e poco attraente signorina Page, attenzioni che nessuno degli altri invitati, uomini inclusi, le ha dedicato. Ogni sera balla con lei persino.
Christine Derrick si schiarì la  gola. ─ Avete ragione sulla signorina Page, le sorelle King la trattano ignobilmente mentre il duca ha mostrato grande nobiltà nei suoi confronti. Forse dopotutto non è così male. Ma ribadisco che sia noioso e pomposo!
Elizabeth represse la risposta che aveva sulla punta della lingua e quella sciocca urgenza di difenderlo. Non aveva bisogno che lei lo difendesse. Non aveva bisogno di lei, punto. L’angoscia le circondò gelida il collo e lo strinse. Improvvisamente Elizabeth sentì che le mancava l’aria. Con la coda dell’occhio si avvide che il signor Mowbry si stava avvicinando, era un uomo gentile e di grande cultura, che aveva mostrato un certo interesse per lei.  Si alzò di scatto, desiderando solo fuggire  dai falsi sorrisi e dagli interminabili e vacui scambi verbali degli ultimi sette giorni.
─ Scusatemi, ho bisogno di prendere una boccata d’aria. ─ Christine la scrutò visibilmente preoccupata dal suo repentino cambio d’umore ─ No vi prego, rimanete pure seduta. Se volete essermi d’aiuto intrattenete il signor Mowbry.
Si avviò a passo sostenuto verso le grandi porte finestre che davano sui giardini, massaggiandosi la tempia sinistra, onde simulare un’emicrania.

L’aria sorprendentemente fresca di quella serata estiva le accarezzò delicatamente la pelle, lieve e amorosa come lei immaginava sarebbero state le mani di Wulfric quando l’avessero toccata. Sfortunatamente era oramai lampante che quelle mani lunghe e signorili non l’avrebbero mai sfiorata, mai toccata, mai presa. Non era ancora venuta a capo dell’enigma che la sua presenza lì rappresentava, ma non si illudeva che fosse il preludio ad una torrida relazione illecita.
Senza rendersene conto si ritrovò davanti al labirinto ed esitò. Era un’ottima occasione per entrarvi finalmente, però essendo sola rischiava di perdersi e se fosse successo e avesse gridato aiuto non l’avrebbero udita dalla casa, perlomeno non subito. Be’ magari si sarebbe guadagnata un poco di salutare solitudine. Si infilò quasi contenta negli intricati cunicoli di bosso, procedendo con poche incertezze verso il centro. Smise di riflettere sui suoi guai e si concentrò sul percorso da seguire, tentando di vivere il momento. Le foglie dei cespugli severamente potate per assomigliare a dei muri verdi, l’odore della terra mischiata alla ghiaia che scricchiolava sotto i suoi piedi, il sibilo del vento che conduceva gli altri odori del bosco oltre i giardini, l’eco sempre più lontana, man mano che procedeva, dei suoni provenienti dalla residenza. Percependo l’animo aprirsi al gioco e rasserenarsi, si tolse le scarpette di camoscio e sollevò le gonne, iniziando a correre e correre, come tornata bambina, veloce sempre più veloce. Il cuore le batteva forte e cominciava a mancarle il fiato e quando giunse effettivamente al centro del labirinto, senza aver mai praticamente sbagliato strada, si mise a girare su sé stessa ridendo felice, come quando suo padre la premiava coi dolcetti profumati di marzapane. Chiuse gli occhi e continuò a girare, godendo di quell’istante come non se ne godeva uno da non ricordava nemmeno più quando. Aveva le vertigini ma non le importava, non voleva fermarsi, non voleva che quell’attimo sospeso nel tempo finisse e poi qualcosa o meglio qualcuno la fermò. Un braccio l’afferrò alla vita e lei si ritrovò a sbattere contro un solido torace. Socchiuse appena gli occhi ma sapeva già chi fosse, il suo profumo era inconfondibile, se lo sognava di notte. Elizabeth si preparò ad essere redarguita e rimessa al suo posto, ma lui non parlò e dopo solo una breve esitazione premette la propria bocca sulle sua, dapprima gentilmente, poi con maggiore veemenza prendendo a tormentarle il labbro inferiore anche coi denti e stuzzicandola con la lingua fin quando lei non aprì la bocca e lui ne prese possesso. La leccò, la succhiò, la provocò tra le labbra e dentro la bocca finché Elizabeth, inebetita dalla sorpresa e bloccata dall’inesperienza, non cominciò a ricambiarlo, timidamente dapprima, con sempre più convinzione poi. La sua lingua imitava quella di lui, sondandolo, avanzando per incontrarlo, ritraendosi per attirarlo ancor più dentro di sé. Elizabeth dimenticò di respirare, dimenticò chi fosse e dove fosse, dimenticò chi era lui, lo strinse a sé convulsamente, aggrappandosi al suo corpo forte e muscoloso, schiacciandosi contro di lui e desiderando di più. Lui aveva un sapore meraviglioso, di brandy invecchiato, ed Elizabeth non aveva mai immaginato si potesse assaggiare la bocca di un uomo e che fosse così eccitante. La sue gambe erano divenute di gelatina, un tremore l’attraversava tutta e le sembrava che il fuoco le scorresse nelle vene. Le pareva che sarebbe morta se lui non si fosse fermato, era sicura che sarebbe morta se lui l’avesse fatto!  E se davvero doveva morire, dopo tutto, di piacere o di vergogna, lei preferiva affogare in quel mare dell’oblio che il bacio perfetto di Wulfric le stava offrendo.

Share this
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che vedi qui sopra

Commenti

@DannyMo  Grazie tante, mi

@DannyMo 
Grazie tante, mi volete proprio mettere ai lavori forzati ehehehe
 . D'altronde come posso rifiutarmi dopo parole così gentili?

@Dany C 
Caspita Dany, mi hai davvero commossa coi tuoi apprezzamenti, e non è una frase retorica. Scrivere è un'attività solitaria e misteriosa, non si sa mai chi ci leggerà nè se le emozini espresse arriveranno a destinazione. Apprendere che sono giunte al cuore delle lettrici è la più grande delle ricompense. Grazie.

Cara maet, ovviamente non

Cara maet, ovviamente non poteva mancare il mio commento, dato che sono anch'io un'estimatrice della tua scrittura e soprattutto della tua caratterizzazione dei personaggi!Hanno detto tutto le altre, mi preme ribadire che essendo una delle poche "deluse"dall'originale baloghiano, soprattutto da Christine, adoro questa nuova protagonista e la preferisco all'insipda "vedova".Mi piace il suo carattere, ricco di mille sfumature...sembra seria e compassata ma rivela un'ardente passionalità; sembra timida e riservata ma davanti al suo uomo mostra ardore e determinazione; sembra quasi "anonima",rigida, ma è capace di entusiasmarsi, di ridere e di avere slanci da bambina.Credo che sarà bellissimo vedere l'evoluzione, oltre che della sua storia con il duca, anche  del suo personaggio...ha una femminilità nascosta, una bellezza, interiore ed esteriore pronta a sbocciare...ed io resto in attesa di godermi tutti questi sviluppi!Grazie davvero, mi stai facendo l'enorme regalo di rileggere "il duca di ghiaccio" con un'eroina finalmente nelle mie "corde"e di conseguenza, donandomi la'ttesa, l'ansia, l'eccitazione, la fibrillazione che accompagna sempre una lettura entusiasmante!!!A presto!!! Dany C.

E poi???????Non ci puoi

E poi???????Non ci puoi lasciare cosi!!!!La tua fanfiction è davvero degna delle migliori autrici professioniste. Cara Maet, hai davvero stoffa per scrivere e noi aspettiamo impazienti i prossimi capitoli: quindi quando hai un pò di tempo libero ricordati di noi che siamo rimaste in sospeso su questo bacio così rapito in attesa del seguito.....
DannyMo

@elnora Ma vieni carissima,

@elnora
Ma vieni carissima, che ti aspetto! Così intanto prepariamo qualche dolce e paliamo di Jean Claude...

@Lucy-one 
Grazie tante cara! Soprattutto per la disponibilità ad aspettare pazientemente le altre puntate.
Mi sembrava giusto che Christine ci fosse, voglio vedere chi sceglie Wulfric, stavolta e anche voi ! Sono contenta che la scena del labirinto ti abbia emozionato nel leggerla, a me sicuramente ha emozionato scriverla.

@Annamaria 
Ma grazie a te ! Ti sono grata per queste bellissime parole e per la fiducia .

@daniela 
Ti ringrazio e come ho già detto sì, è proprio lì che dovevo fermarmi eheheheh.
 
@Emy 
Ma come sei gentile, grazie! Spero di continuare a darvi emozioni  senza farvi attendere troppo...

@carla86
Grazie mille! Farò del  mio meglio per non andare troppo in là e sicuramente lo concluderò, ovviamente non in maniera tragica.
 

Finalmente un nuovo capitolo!

Finalmente un nuovo capitolo! Complimenti anche questo molto bello. E già non vedo l'ora che la storia prosegua... spero che ci siano ancora tanti capitoli e anche il lieto fine, non vorrai mica lasciarlo a metà come molte fanfiction che ho letto! Sarebbe un vero peccato.
carla86

Finalmente...l'aspettavo da

Finalmente...l'aspettavo da tanto tempo. E' stata proprio un'emozione aprire il sito e trovare una nuova puntata della fanfiction.
La scena del labirinto mi piace molto e il bacio poi...meno male che l'ho letto da seduta.
E adesso son dolori...devo assolutamente sapere cosa le dice Wulfric subito dopo il bacio.
Complimenti Maet, hai davvero talento.

Emy

be' cosa dire...ma ti dovevi

be' cosa dire...ma ti dovevi proprio fermare lì???!!
bellissimo!!! non vedo l'ora di leggere il seguito ma non farci aspettare troppo!!!
complimenti davvero scrivi veramente bene !!!
ciao
daniela

Maet,, che posso dire che non

Maet,, che posso dire che non abbiano già detto le altre?
Scrivi, scrivi, scrivi, ma senza fretta eccessiva... sappiamo tutte che, quando l'autore è pressato, la qualità ne risente. E qui siamo ad altissimi livelli.
Grazie, Maet.
Annamaria

Era tanto che, entrando nel

Era tanto che, entrando nel sito, speravo di vedere il quinto capitolo...e finalmente, oggi!
Grazie Maet per questa nuova, bellissima e sorprendente puntata!
Devo dire che non mi aspettavo di rivedere Christine, è un po' strano ritrovarla in una situazione simile all'originale ma profondamente diversa...una bella sorpresa!
Concordo con chi ti ha fatto i complimenti per la scena del labirinto, è veramente emozionante.
Spero che riuscirai a trovare il tempo per scrivere il sesto capitolo, sarebbe un fantastico regalo di Natale,ma anche se dovessero passare altri 3 mesi le tue affezionate lettrici aspetteranno...e ti ringrazieranno!
Lucy-one

adesso vengo da te e non mi

adesso vengo da te e non mi schiodo da casa tua finchè non ci scrivi il seguito di questa puntata.., una meraviglia!!

@Cris Ossignur! Ma grazie,

@Cris
Ossignur! Ma grazie, grazie davvero! Penso tu sia troppo buona .

@Antonella
Ti ringrazio Antonella, è bello sapere di avere delle lettrici fedeli, anche perché è per voi che sto scrivendo questa fanfiction, non è qualcosa che potrebbe essere un giorno pubblicato

@Lucia
Ma così mi fai arrossire! Grazie mille! Per me la Balogh è un mito, dunque quello che mi fai è un grandissimo complimento. Però ti assicuro che non ho mai pubblicato romanzi, se lo avessi fatto non te lo nasconderei, magari è ora che mi metta di buona lena e ne scriva uno, che dici?

@naan
Grazieeee cara ! E sì, dovevo fermarmi proprio lì, altrimenti come vi facevo veniere la voglia di continuare a leggere ?

Maeet! ma proprio sul

Maeet! ma proprio sul baciooooooo dovevi fermarti!!! 
Sei bravissima anche nello scegliere il punto dove fermarti, e chi ci riesce ad aspettare il seguito?
Bellissima la scena del labirinto!

Maet, devo proprio dirtelo:

Maet, devo proprio dirtelo: mi piaci molto, ma molto di più della Balogh! E' vero che i libri che ho letto di questa autrice non sono tra i migliori (almeno mi hanno detto così chi la conosce bene), ma tu sei bravissima. Non è possibile che non hai pubblicato dei libri. Dimmi quali libri hai pubblicato? Sono una tua fan! Troppo brava!
Lucia

Mi unisco al coro di lodi e

Mi unisco al coro di lodi e incoraggiamenti a scrivere ancora e ancora: è da quando hai pubblicato il 1° capitolo che aspetto il seguito! Ricrei perfettamente le atmosfere della Balogh, con qualcosa in più .. il tuo stile personale!
Un abbraccio
Antonella

E va bene che ce ne hai messo

E va bene che ce ne hai messo di tempo Maet, ma cavolo se ne è valsa la pena! Ma dico, ti rendi conto? E' un pezzo fantastico!
Guarda non lasciarci ancora in pena...
Sei bravissima Maet, straordinaria!
Bacio
Cris

@demammis  Grazie tante! Ho

@demammis 
Grazie tante! Ho rubato tempo al sonno ma se ti ha deliziato ne sono davvero felice!

@Loredana
Grazie mille davvero! Anch'io mentre  scrivevo la scena e mi immaginavo Wulfric che soprendeva Elizabeth e la baciava e la baciava con veemenza ho sentito le ginocchia diventare molli  .

@Vale77
Oddio ti ringrazio carissima, questo è il più bel complimento che potessi farmi!

@Libera
Cara, farò del mio meglio, promesso, solo che dovrei avere una giornata di 36 ore .

@Daisy
Ma grazie cara! Sei davvero gentile! Sono contenta che ti sia piaciuto, purtroppo non sarà mai in vendita, è solo una modesta fanfiction per voi lettrici così affezionate .

@andreina65  

Andre mi fai arrossire! Grazie mille cara, per le tue belle parole. Cercherò di fare del mio meglio, come ho già scritto, però se sto troppo alzata la notte per scrivere il marito è scontento ...

@Niki
Grazie! Ce la metterò tutta

 mi immaginavo e        e        

Bravissima aspetto con ansia

Bravissima aspetto con ansia l'uscita di  un altro capitolo. Adesso non farci aspettare troppo. Niki.

Caspita Maet che emozione,

Caspita Maet che emozione, che brividi!!!!!!!!!!!!!!!!!

MA è TROPPO POCOOOOOOOOO... ancora ti prego, scrivi un altro pochino , non far passare tanto tempo!!!!

Meno male che ero seduta, le ginocchia molli mi  son diventate!

L'attesa è stata

L'attesa è stata lunghissima ma la ricompensa è strepitosa! Un capitolo meglio dell'altro.......bravissima! Non mi stancherò mai di ripeterlo.......se questo libro fosse in vendita correrei a comprarlo!
Daisy

Bravissima

Bravissima Maet!

Finalmente hai trovato un po' di tempo per noi curiosissime, in crisi d'astinenza.
Speriamo di non dover più attendere così tanto

Bacio
Libera

@Maet Ti prego..scrivi,

@Maet

Ti prego..scrivi, scrivi, scrivi...il massimo sarebbe un romanzo tutto tuo che noi possiamo assaporare!

Brava

vale

Misericordia Maet, anche le

Misericordia Maet,
anche le mie ginocchia stanno cedendo....

Bravissima, come sempre, a catturare e far vivere le emozioni.

Loredana.

F I N A L M E N T E  !!!!!!

F I N A L M E N T E  !!!!!! Hai trovato un pò di tempo per te e anche per deliziare NOI. Brava continua così.
demammis

Calendario

Amazon

 

 

Giveaway

Partecipate al giveaway di Mariangela Camocardi, avete tempo per lasciare un commento fino al 9 novembre, quindi registratevi al sito se ancora non lo avete fatto e buona fortuna!

 

Eventi

        

Un'iniziativa di Kijiji

Fanfiction

Dream heroes

Alcuni eroi da sogno...