Accesso utente

Nuovi utenti

  • leonorahumphery1614
  • liliana
  • rodolfocrider63
  • yasmin870773082
  • adelaidemccary518

Twitter

Seguiteci anche su Twitter!

Paper Blog

Wikio

Wikio - Top dei blog - Letteratura

Banner

 

 

Home
Venerdì, 28 settembre, 2012 - 03:28
Lilith

I luoghi che ispirano la scrittura-Patrizia Violi

Patrizia Violi sarà a Matera domani sabato 29 settembre  alle ore  18:30  nella Sala Levi di Palazzo Lanfranchi per partecipare a:
Destini affamati e lavori precari: gli affari, l'amore e la serendipity
Paola Calvetti, autrice di "Olivia", Mondadori
Patrizia Violi, autrice di "Affari d'amore", Baldini&Castoldi
Interviene Manuela Taratufolo, Segretario Generale CGIL Matera
Modera: Cinzia Leone, giornalista e scrittrice

 

Con il mestiere di giornalista ho imparato a buttare giù un articolo po’ dovunque: anche in un open-space una, una stanza piena di colleghi che parlano e telefonano. Ma quando devo scrivere un romanzo è diverso, devo chiudermi nel mio bozzolo, essere sola e in silenzio. Così, a casa, mi rifugio nel mio studio, una stanza piccola con una grande finestra che si affaccia sul balcone. Solo nella calma di questo isolamente riesco a concentrarmi e lasciare la mia mente spaziare per creare e inventare una vita ai miei personaggi. In questi momenti c’è un luogo che mi ritorna in mente, che visualizzo e mi ispira: Londra. Da quando, da studentessa, sono andata per la prima volta in questa città, me ne sono innamorata. Ho continuato a tornarci e terminata l’università sono andata a vivere lì. Faticando a pagare le bollette e ad arrivare alla fine del mese, ma con tanto entusiasmo, ho cominciato a lavorare come giornalista, per alcune riviste italiane. Poi, dopo alcuni anni sono venuta a vivere a Milano ma Londra è sempre nel mio cuore e infatti l’ho raccontata nei miei romanzi: in Love.com e anche in Affari d’amore.

Non parlo della Londra caotica, quella del west-end dei luoghi turistici, amo soprattutto le parti più tranquille, più nascoste della capitale inglese. I giardini, le stradine, l’architettura conservatrice, anche quella delle case più modeste. Poi, vivendo a Londra, tanti anni fa, mi è capitata un avventura speciale. Un incontro che considero profetico. Il mio giornale mi aveva chiesto di intervistare Barbara Cartland, la regina del romance: dovevo andare a trovarla nella sua residenza di campagna nello Hertsfordshire, a un’ora circa da Londra. Ero felicissima. Mi sono messa d’impegno per riuscire a strappare un’intervista. Dopo varie trattative con la sua segretaria, la scrittrice era molto anziana, non dovevo stancarla e quindi non mi concedeva più di un’ora di colloquio, sono riuscita ad avere l’agognato appuntamento. Sono arrivata alla villa della scrittrice emozionatissima. Era una grande casa antica circondata da un immenso parco, all’interno l’arredamento era molto ricco e curato, tutto declinato sulle diverse gradazioni del rosa. La scrittrice, ormai novantenne, mi aspettava seduta sul divano nel salone. Ero molto intimidita. Lei mi sorrideva e l’idea che fossi italiana la divertiva. Per rompere il ghiaccio e mettermi a mio agio, mi disse subito di amare molto il nostro Paese. Poi mi offrì il tè e cominciai l’intervista. Andò tutto molto bene, così bene che alla fine Barbara Cartland, forse commossa dalla mia gioventù e inesperienza, mi fece un regalo inaspettato. Mi donò un ciondolo di una foglia della quercia centenaria che aveva nel suo giardino, che mi disse fosse stata piantata addirittura ai tempi di Elisabetta I. Queste foglie, seccate e bagnate d’oro, erano particolari: “Se la tieni sempre al collo può esaudire i tuoi desideri”, mi spiegò. La ringraziai commossa pensando che fosse una persona eccezionalmente gentile e generosa.

Sulla magia avevo qualche perplessità, ma tornata a casa comprai una catenina d’oro per poter indossare la foglia. E devo dire che, nel tempo, ho dovuto ricredermi. Infatti qualche anno più tardi volevo avere un bambino e non riuscivo a rimanere incinta. Anche se di solito sono una persona molto razionale, vergognandomi un po’, ho chiesto aiuto alla foglia: un anno e mezzo dopo è nata mia figlia. Poi è passato altro tempo e il mio sogno è diventato quello di pubblicare un romanzo, anche qui ho cercato l’aiuto della foglia e il mio desiderio è stato esaudito!

Share this
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che vedi qui sopra

Commenti

Le foglie hanno veramente un significato e un tocco di magia

Ho scoperto anche io casualmente questa stupenda cosa legata al significato delle foglie. Tempo fà acquistai su Almavera una collana con una foglia di lauro ricoperta d'oro, perché comunque mi sembrava un ciondolo molto carino e diverso dai soliti; poco tempo dopo la mia vita è cambiata e le cose che ritenevo impossibili da esaudirsi, all'improvviso si avveravano! Tra le quali ho trovato il lavoro che tanto aspettavo. Sarà casualità ...... ma adesso un pò ci credo. Elena L.

Ritratto di Lilith

Un'autrice da provare

Non sono una fan della Cartland ma ricevere un regalo simile da una scrittrice mitica deve essere stato bellissimo! Cavolo...poi io amo molto Londra e sapere che è la protagonista dei tuoi libri mi spinge a provarli Patrizia, grazie per questo racconto.

Ho dimenticato la firma, sono

Ho dimenticato la firma, sono Rita

Non conosco i libri di

Non conosco i libri di Patrizia Violi ma dopo aver letto questa storia così interessante sulla foglia di Barbara Cartland li cercheró di sicuro, una grande come lei ci aveva sicuramente visto giusto. Sono anni che sogno l'Inghilterra e penso di essere l'unica o una delle poche a non esserci andata ma ho il terrore di volare! Per ora faccio come Patrizia, chiudo gli occhi e sogno.

Calendario

Amazon

 

 

Giveaway

Partecipate al giveaway di Mariangela Camocardi, avete tempo per lasciare un commento fino al 9 novembre, quindi registratevi al sito se ancora non lo avete fatto e buona fortuna!

 

Eventi

        

Un'iniziativa di Kijiji

Commenti recenti

Fanfiction

Dream heroes

Alcuni eroi da sogno...