Accesso utente

Nuovi utenti

  • bryongarling10933
  • numbers49s561663153
  • kaceywsh030052715084
  • gradymorrison383528
  • arronminchin888578

Twitter

Seguiteci anche su Twitter!

Paper Blog

Wikio

Wikio - Top dei blog - Letteratura

Banner

 

 

Home
Domenica, 7 luglio, 2013 - 23:58
Panthy

La notte luminosa di Theresa Melville

Si conclude la trilogia Tourangeau e con l'occasione abbiamo incontrato nuovamente Theresa Melville, il cui talento oramai si divide con ottimi risultati tra il romance storico e il contemporaneo molto dark.

1)  Ciao Theresa e bentornata! Siamo molto felici di averti nuovamente nostra ospite. E’ appena uscito nelle edicole il terzo romanzo della serie Tourangeau, MAI NOTTE PIU’ DOLCE. Ti va di presentarcelo?

Cara Panthy, sono io a ringraziarti per l’occasione di presentare Mai notte più dolce nella splendida cornice di Isn’t it romantic. Il romanzo conclude la trilogia dei Tourangeau iniziata con L’Abbraccio della notte, seguito da Notte di speranza. Malgrado sia l’ultimo dei tre, la storia è abbastanza slegata dalle vicende pregresse; è incentrata infatti sulla figlia di Cornélie Danterre de Tourangeau e di Marcel Bartén, la diciottenne Julie, la cui nascita era descritta nel romanzo precedente. Mai notte più dolce è ambientato in Francia nel 1815. Sullo sfondo c’è la parabola del secondo impero napoleonico. In primo piano c’è l’amore tra Julie Bartén e Tristan Rabeau, un romantico antibonapartista che insegue l’ideale libertario ad ogni costo. Tra lui e Julie c’è una complicità che va oltre l’amore: i due hanno spiriti affini, condividono la passione per l’arte e sono inclini a un certo sprezzo del pericolo, a causa del quale fanno scelte che definire azzardate è un eufemismo. Tuttavia, proprio nel pericolo si scoprono uniti più che mai, e complici.      
 

2) Qui la storia si svolge 18 anni dopo il secondo. Come mai questa scelta? Forse perché si spera sempre che i figli facciano meglio dei genitori?                               

Volevo che un preciso conflitto psicologico si evolvesse, e occorreva lasciar passare anni a questo scopo. Mi riferisco al rapporto tra Marcel e François. I due rivali, divisi eppure uniti dall’amore per la stessa donna, cercano in età matura di dare un senso al loro vissuto sentimentale. Inoltre mi piaceva l’idea di vedere all’opera i figli dei personaggi principali dei primi due romanzi. In questo terzo, troviamo infatti alla ribalta non solo Julie Bartén, ma anche Maximilien Savary, figlio di Pauline e Jérôme, e i gemelli Nèvers, i figli di François e Olympe.
 

3)  La storia è ambientata in Francia nel periodo tra la Rivoluzione Francese e l’epoca napoleonica. Hai fatto questa scelta perché ami particolarmente quel periodo storico e il paese o perché era la location giusta per i tuoi personaggi?

Ho voluto ambientare la trilogia nel periodo storico che mi appassiona più di ogni altro. I personaggi sono nati in quello scenario, figli di quel tempo, travolti dalle lotte intestine, vittime di una classe politica inadeguata a gestire la portata del cambiamento politico di cui la Francia fu protagonista. Quella svolta epocale sconvolse gli equilibri socioculturali dell’umanità. Quel che mi attirava, era cercare gli effetti di un simile cambiamento nell’animo delle donne e degli uomini che lo stavano vivendo.  

 

4) Di conseguenza ti chiedo: c’è la possibilità che il prossimo romanzo o, ancora meglio, una nuova saga siano ambientati in Italia?

Non lo escludo, ma non ho ancora messo a punto il soggetto di un nuovo romance. Ho lavorato così a lungo sulla trilogia dei Tourangeau, che stento a staccarmi dai quei personaggi e dalle loro peripezie. Mi piacerebbe scrivere una storia ambientata parte in Italia e parte in un altro paese, ma è davvero prematuro parlarne.

 

5) Nei romanzi precedenti le protagoniste femminili sono forti e con carattere ed influenzano notevolmente gli eventi. Sarà così anche in questo terzo romanzo?

Sono donne alle quali non piace sentirsi vittime del destino; si barcamenano tra un errore e l’altro, ma non perdono di vista il traguardo. Sono donne che sanno rialzarsi dopo una caduta. Non si può dire che influenzino gli eventi, ma sicuramente dagli eventi non si fanno abbattere, e Julie è forse più testarda delle altre.   

 

6) Le coppie protagoniste dei primi due libri della saga sono molto diverse tra loro, come sarà quella composta da Tristan e Julie? Ci puoi confessare quale è la tua preferita tra le tre?  

Non vorrei dire molto su Tristan e Julie, a parte il fatto che il loro è un amore così ricco di imprevisti da dare ai loro figli di che raccontare ai discendenti. Quanto alle mie preferenze, più che di coppie, che come hai giustamente detto sono molto diverse tra loro, preferirei parlare di personaggi. A questo proposito, François Nevers ha un posto speciale nel mio cuore, e se lo è conquistato negli anni. Circa i personaggi femminili, il fascino di Cornélie resta per me ineguagliabile.   
 

7) Dicci la verità, questo nuovo romanzo è davvero l’ultimo della serie o ci stai riservando una gradita sorpresa?

Ci ho pensato molto, Panthy, e non poteva essere altrimenti considerando quanto io sia coinvolta dalla storia dei Tourangeau. Ma non si tratta di una decisione facile, e non sono ancora pronta a prenderla.  


8) Noi ti conosciamo principalmente come autrice storica, ma in realtà ultimamente ti sei cimentata anche con il contemporaneo, con il mistery per la precisione. Raccontaci di L’AMORE OBLIQUO, che ci mostra una Theresa Melville molto diversa.

L’Amore obliquo non appartiene a Theresa Melville, non l’ha scritto lei. L’ha scritto Maria Teresa Casella, e non è un caso se ho deciso di diversificare la mia produzione tramite la firma. Le lettrici di Theresa Melville resterebbero sconcertate leggendo la storia di Linda Brandi, la protagonista de L’Amore obliquo, come anche quella di Emma, protagonista di Progetti per il futuro dell’antologia Eros&Thanatos, o quella di Nyela di Antropomorti. Se da una parte abbiamo il sogno, il romanticismo, dall’altra abbiamo un sentimento oscuro e morboso - che chiamare amore è forse discutibile. Sembrano due mondi separati e distanti, ma un punto di fusione credo ci sia, e trovo molto interessante cercarlo nell’animo dei miei personaggi.

 
9) Per concludere: su cosa stai lavorando al momento e quali sono i tuoi progetti futuri?

Sto vivendo una fase lavorativa particolarmente fertile. Dal giugno scorso sono direttore editoriale di Fleurs, la collana di narrativa erotica di Mezzotints Ebook, che mi assorbe e mi appassiona come non immaginavo. Ammetto di far fatica a conciliare il lavoro editoriale con la scrittura, ma è una fatica costruttiva, oltremodo stimolante. Al momento sto lavorando su un romanzo contemporaneo. Ho deciso di prendermi una piccola pausa dal romance in attesa di smaltire il mio tenace attaccamento ai Tourangeau, ma non passa giorno che, pur dedicandomi a tutt’altro genere narrativo, non mi venga in mente uno spunto di netta impronta romance. In quel caso scrivo subito la traccia e mi emoziono pensando all’incipit. Così come il primo amore conserva un posto speciale nel cuore di ognuno di noi, il Romance resterà indiscusso padrone del mio cuore di scrittrice.  
Ancora grazie, Panthy. A te, a Milly e alle lettrici di Isn’t it romantic, mando un affettuoso saluto.  
 

Grazie a te Theresa!

Share this
CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Inserisci i caratteri che vedi qui sopra

Commenti

Ritratto di Milly

Non posso che ringraziare

Non posso che ringraziare Theresa Melville per la disponibilità e le gentilezza mostrate nei confronti nostri e delle lettrici, facendole i migliori auguri anche per la sua carriera come Maria Teresa Casella. Io di sicuro la seguirò anche in queste vesti differenti, credo infatti che sia sempre interessante scoprire sfaccettature inaspettate di un autore che si stima.

Grazie Milly!

 Milly cara, per un'autrice questi momenti di scambio con il pubblico sono la massima gratificazione, quindi io ringrazio te e le tue validissime colleghe per l'opportunità di essere qui.   

Stimo molto Theresa Melville....

Stimo molto Theresa Melville, il suo stile. Molte storie sono ambientate in Francia, paese che amo molto e come storia e come arte, in particolare 800. Interessante l'intervista e tutti i commenti. Entrare nella testa di un uomo credo sia l'operazione tra le più difficili, non per niente dicono che uomo/ donna vengono da pianeti diversi. E' stato difficile calarsi nei panni di un uomo e scriverne sensazioni, sentimenti, pensieri??? Un abbraccio PATTY

Cara Patty

 Ti ringrazio per l'apprezzamento, cara Patty, non immagini quanto valgano per me parole come quelle che mi dedichi.

L'esperimento di scrivere nei panni di un uomo è stato sensazionale, qualcosa che non sarei riuscita a fare vent'anni, priva dell'esperienza necessaria come autrice ma anche come donna.

Il punto è che dovevo prendere le distanze dalla mia protagonista. Avevo creato un personaggio talmente vivo nella mia fantasia, così dolente e reale, perchè supportato da basi mediche e scentifiche, che mi era entrato troppo dentro e mi faceva soffrire. Allora, per raggiungere il necessario distacco e scriverne in modo lineare, controllando gli eccessi, ho deciso di guardare Linda Brandi con gli occhi di un uomo, allentando quella morsa emozionale che mi era d'intralcio nello scrivere. Non è stato facile, ho dovuto lavorarci duramente, ma ricomincerei domani. Grazie ancora, Patty!

 

 

  

Ritratto di Marin

Nemmeno a me piace molto il

Nemmeno a me piace molto il periodo storico della rivoluzione francese, ma... dopo aver letto questa intervista mi sa che mi ravvedo e recupero.
Si può essere poi due scrittrici allo stesso tempo? Io non sono una scrittrice e non posso certo rispondere per la signora Casella, ma penso proprio di si.
Credo che per essere una buona scrittrice bisogna anche essere una buona lettrice e come noi riusciamo a passare da un genere all'altro senza contaminarci la mente anche chi scrive immagino possa fare lo stesso.
Intanto mi procuro anche L'amore obliquo...

Contaminazioni

 Cara Marin, il tuo parallelo coglie nel segno. Spaziare tra i vari generi letterari come lettrice è una ricchezza. Farlo come scrittrice è un'impresa molto difficile, ma stimolante e fondamentale per crescere professionalmente. La mia esperienza a riguardo è stata forte, a tratti l'ho sofferta. Quando ho cominciato a scrivere L'Amore obliquo avevo alle spalle quindici anni di romance, quindi il mio stile narrativo era ben connotato, del tutto inadatto a un noir crudo come L'amore obliquo. Per raggiungere il risultato che mi ero prefissa ho usato alcuni accorgimenti: ho scritto in prima persona e nei panni di un uomo, e ho scritto e riscritto il testo fin quando non ho raggiunto un discreto grado di soddisfazione. Fosse per me, le revisioni non avrebbero mai fine. Invito anche te, Marin, a comunicarmi le tue impressioni sul testo nel caso lo leggessi. Grazie!   

Ritratto di Panthy

Cara Marin la penso come  te

Cara Marin la penso come  te e poi una donna può fare questo e altro.

Alla prossima

 

Ritratto di Panthy

Grazie ancora Theresa per il

Grazie ancora Theresa per il tempo dedicatoci e la bella intervista!
P.S.: il romanzo mi è piaciuto molto e a breve uscirà la positiva recensione!
Al prossimo romance

bella intervista

Bella intervista Panthy! Mi sono piaciute molto le risposte della signora Melville, mi sembra una bella persona , ma io devo dire che purtroppo il periodo della rivoluzione francece non mi piace per niente! Non ho comprato gli altri due romanzi della serie per questo motivo, ma adesso penso invece che proverò i tourangeau, posso leggere questo romanzo senza aver letto gli altri o devo andare per forza in ordine?Anna

Ritratto di Panthy

Cara Anna, puoi leggere il

Cara Anna, puoi leggere il terzo libro ma ti consiglio comunque di partire dal primo perché ti sembrerà di vivere con i personaggi le loro avventure ed anche perché coglierai particolari che altrimenti faresti fatica a notare.

Buona lettura

 

Care Panthy e Anna...

 Cara Panthy, concordo sulla risposta ad Anna, tanto più che tutti e tre i romanzi sono già disponibili in ebook. 

Anche io, cara Anna, ti consiglio di cominciare con l'Abbraccio della notte. Sarei davvero felice di sapere un domani che i Tourangeau sono riusciti a conquistarti. 

Vi abbraccio, e ancora un grazie a Panthy, deliziosa e affettuosa padrona di casa.

Theresa

 

 

dualità

Prima di tutto faccio i complimenti a Theresa Melville e a Panthy per l'intervista molto interessante, mi ha colpito questa dualità tra Melville e Casella, come se fossero due persone distinte, è possibile essere due scrittrici al tempo stesso? Non ci sono contaminazioni possibili, mi chiedo? Sono curiosa adesso, leggerò Mai notte più dolce con occhi diversi! Ciao FrancescaT

Per Francesca

 Cara Francesca, sulla vicenda ci sarebbe da parlare per ore. Comunque sì, è possibile differenziarsi come autrice. Le due firme si riferiscono infatti a due generi letterari profondamente diversi. Contaminazioni probabilmente ce ne sono, anche se molti sostengono il contrario. Nel caso ti capitasse di leggere L'amore obliquo, mi piacerebbe molto conoscere il tuo parere a riguardo.

Ricordo a tutte le lettrici il mio indirizzo di posta elettronica melville.t@gmail.com e la mia pagina FB Terri Casella Melville. Sarò felice di rispondere alle vostre domande e alle vostre curiosità in merito al mio lavoro. 

Ancora un caloroso ringraziamento a tutte voi

Theresa

Ritratto di Panthy

Grazie Francesca, ma credo

Grazie Francesca, ma credo che i complimenti vadano principalmente a Teresa ( o pardòn, Theresa) per i suoi romance che tanto ci fanno sognare. Per quanto riguarda le contaminazioni io dico: ben vengano!

Ciao!

 

Calendario

Amazon

 

 

Giveaway

Partecipate al giveaway di Mariangela Camocardi, avete tempo per lasciare un commento fino al 9 novembre, quindi registratevi al sito se ancora non lo avete fatto e buona fortuna!

 

Eventi

        

Un'iniziativa di Kijiji

Commenti recenti

Fanfiction

Dream heroes

Alcuni eroi da sogno...